lunedì 23 gennaio 2017

L'Impatto Intellettuale del Presidente Americano

Regan negli anni '80 detto' al mondo l'edonismo, l'arroganza sfacciata e confrontazionale, l'utilizzo del potere sfrontato e per nulla mitigato. Fu anche protagonista  della vittoria incondizionata del capitalismo.

Clinton sul finire degli anni '90 rese di moda il buonismo ipocrita, ma anche il primato dell'intelletto, del sapere non paludato e della tecnologia. Introdusse il concetto di  soft power per l'America

I due Bush (padre e figlio) non influenzarono per niente i tempi. Vi ci si adagiarono, in una prospettiva di destra, senza esserne protagonisti. Ci si ricorderà di loro per la visione poliziesca dell'America, come sbirro globale.

Obama segna gli anni '10 con il suo progressismo. Ciò' che prima sembrava rivoluzionario o addirittura impossibile da diventare "main stream" oggi e' accettabile.
Con Obama si ha una visione nuova della società (non solo americana), le questioni ambientali diventano politiche industriali, la globalizzazione un fatto ineluttabile. E la società ha un modello fluido sociale ed estetico. Sembra delineare una società elettrica, multirazziale e vegana, senza sesso e famiglia, e generalmente 'agile'.

Ora Trump.

Voster semper Voster

giovedì 12 gennaio 2017

Breve aggiornamento

Di mangiare bene,  si mangiò bene (benino).
Solo che i mie figli hanno ordinato linguinI ( con la "i" finale , si') e "kelemari" (calamari in americano, si').
Mi condanno

Voster semper Voster
PadrediDueJoeScannaLaQuaglia Emigrante



mercoledì 11 gennaio 2017

Apprensione

E dopo quasi 10 anni di America, ed innumerevoli serate etniche.
E considerando lo snobismo tipico italiano per la sacralità della nostra cucina.
E dopo le risate grasse per i menu con "Linguini" e salsa "Alfredo" o "Alfredo con pollo", ed ogni sostantivo possibile  da accoppiare a "Parmesan"  (incluso un infame Ice Cream Parmesan!).
E dopo aver dissuaso, blandito, sconsigliato ed augurato la malapasqua ad ogni ristorante che osasse definirsi italiano....ebbene dopo tutto questo, stasera con la famiglia mi reco (volontariamente)  in un ristorante italiano à la page vicino casa.
Meno male che se le cose prendessero una brutta piega, Domenica ci aspetta  "Benu" a San Fran per una cena come si deve.
Vi tengo aggiornati sull'esperienza.

Voster semper Voster
UnAnsioso Emigrante

domenica 8 gennaio 2017

Analisi pubblica di un'email stronza

Tale Antonio G.  oggi mi scrive l'email che riporto sotto integralmente (gli errori grammaticali ed ortografici, per una volta, non sono a me imputabili):

"Ciao, ho trovato il tuo blog per "caso", volevo approfittarne per chiederti un paio di informazioni che sicuramente saprai più di me. Siamo una giovane coppia,  vorremmo aprire un food truck in America ma mi chiedo comè l iter dietro ovviamente, cioè se è possibile oppure no, più che altro. Perché sapevo che per ottenere un visto si ha bisogno di un investimento sostanziale. A presto!"


Ecco come la mia zucca l'ha commentata:

Ciao, ho trovato il tuo blog per "caso"
Cioè passavi per la pubblica via e sei inciampato in questo sito? Oppure hai letto la pubblicità di questo sito dal barbiere? E poi non sono sicuro che il "caso" sia un'attenuante né una scusa valida (perchè mai poi "caso"  tra  virgolette?).

volevo approfittarne per chiederti un paio di informazioni che sicuramente saprai più di me
Dunque mi hai trovato per caso e per questo ne vuoi approfittare? E che ne sai che io sia un competente. Mah, vediamo.

Siamo una giovane coppia
Ma come Anto'? Mo' ti sei sdoppiato? E come scrive una email una coppia? Un paragrafo a cranio? Oppure alla Toto' e Peppino, uno detta e l'altro scrive? Mah, mistero.

vorremmo aprire un food truck in America ma mi chiedo comè l iter dietro ovviamente
Me lo chiedo pure  io come sia l'iter dietro un food truck.  E quella sicumera dell' "ovviamente"?  Lo vedi Anto' che  ti sbagliavi che ne sapessi più di te?

cioè se è possibile oppure no, piû che altro
E lo chiedi a me? Hai visto scritto da qualche parte in questo sito " Dall'Emigrante: esperto in iter dietro l'apertura di food truck in America" ? E poi quel "più che altro" mi inquieta. Che altro c'e' Anto'? Non mi tenere sulle spine.

Perché sapevo che per ottenere un visto si ha bisogno di un investimento sostanziale
Ah birbone! Se lo sai che me lo chiedi a fare? Oppure ora scrive la lei della coppia, molto più informata di Anto'?

A presto
Ottimista

Voster semper Voster
CheVolevaUnaScusaPerInterrompereIlLavoro Emigrante















sabato 31 dicembre 2016

Auguri

Quest'anno niente considerazioni condivise qui, ma  un sobrio augurio di un sereno 2017.
Statemi bene, tutti.
Voster semper Voster

mercoledì 21 dicembre 2016

Del Natale in America

L'America e' un paese multiconfessionale ed è considerato estremamente  poco politically correct augurare "Merry Christmas" (Buon Natale), ma piuttosto si usa la formula "Happy Holidays" (buone vacanze) o al limite "Season's greetings" (saluti di stagione, lo so suona da schifo). Tutto questo almeno nell'era pre Trump.
In effetti quest'anno nella settimana di Natale si celebreranno almeno altre due ricorrenze:
- Hanukkah
Quest'anno il calendario ebraico fa cadere il 24 Dicembre la festività delle luci, che andra' avanti per otto giorni ed otto notti

- Kwanzaa
E' una ricorrenza che comincia il 26 di Dicembre fino al primo Gennaio che ricorda  la diaspora africana nelle americhe. E' celebrata negli States ed in alcuni stati africani occidentali.


Fatemi ricordare anche una tipica festività calabrese:
- Uscattapanza
Ricorrenza calabra pre cristiana che celebra gli dei della tavola. Si osserva in Calabria dal 24 Dicembre fino al 7 Gennaio, e viene celebrata a colazione, pranzo e cena con libagioni servite in quantità irragionevoli.


Io domani parto per andare a sciare, Buon Natale, Hannukkh e Kwanzaa. O se osservate Uscattapanza, buona digestione.

Voster semper Voster
CheSeNonFaLospiritosoSchiattaAppunto Emigrante




mercoledì 14 dicembre 2016

Deliziosa ed inutile informazione

Sto passando piu' tempo nel mio ufficio in Indiana che nella Bay Area.
Una cosa che ho appreso qui e' che gli abitanti dello stato dell'Indiana sono detti "Hoosiers". Nessuno sa bene perchè, ma la leggenda più accreditata vuole che derivi dalla domanda "Who is here?".
Pare che i  pionieri che dal New England si spostavano nel midwest,  bussando alle porte delle abitazioni dell'Indiana  ricevessero  invariabilmente la domanda"Who is here?". Trasliterandola si ottiene piu' o meno Hoosier (hoo s ier).
Secondo questa teoria noi calabresi dovremmo chiamarci  "cuminchiasi".

Voster semper Voster
UnCuminchiasiEmigrante